Cerca

Percorso

Ragout o ragù di carne

17. 03. 03
posted by: Barbara Zattoni
Visite: 408

 

 

Viene dal francese “ragoût”, antico derivato dal latino “gustus”; vuol dire “stufato”, “intingolo”, “condimento”. In italiano ha preso il significato (“ragù alla bolognese”) di “sugo di carne”; si può quindi usare “sugo di carne”, ma la parola “ragù”, usatissima, ormai è parola italiana.
Questa ricetta è stata messa insieme a quella dei  topini ma, certo è che si usi questo condimento come si voglia. Si tratta di un sugo di carne che accompagna svariati tipi di paste secche,

fresche, semplici o ripiene:
800 gr di carne macinata di manzo (non troppo fine)
2 salsicce di maiale
olio ex
2 coste di sedano alle quali avrete tolto i fili
2 carote
1 bella cipolla rossa
2 spicchi di aglio
3/4 foglie di alloro
pomodori pelati
vino rosso
sale e pepe.
In un tegame alto, meglio col doppio fondo, si fanno rosolare in olio e alloro, tutte le verdure tritate (meglio a coltello, ma se usate il frullatore, la cipolla a parte). State facendo il soffritto, le verdure devono prendere un colore leggermente brunito e cuocere una ventina di minuti. Unite salsiccia e macinata, fate rolosare bene e sfumate con un bicchiere di vino rosso. Aggiungere 1/2 kg di pelati (se in stagione, quelli freschi) e portare a cottura aggiustando di sale e pepe. Per gli amanti, un po' di funghi secchi, rinvenuti in acqua tiepida, strizzati e tagliati a volte son meglio di quelli freschi.